Recensioni/News

Libri del mese: Giugno!

Ciao a tutti, oggi è il momento di lanciare una nuova rubrica mensile!

Di cosa parlerò? Beh già il titolo dice tutto: libri letti durante il mese appena trascorso.

Inizio immediatamente col parlarvi delle letture principali a cui mi sono dedicata durante il mese di Giugno:

  • Toccato da un Angelo (Jonathan Morris)
  • Le Notti Bianche (Fëdor Dostoevskij)
  • Avrò cura di Te (Chiara Gamberale e Massimo Gramellini)

 

Toccato da un Angelo

Se siete fan della serie televisiva inglese “Doctor Who” – come la sottoscritta – allora questo libro potrebbe anche far per voi!

I protagonisti di quest’avventura? L’Undicesimo Dottore, i Pond e soprattutto gli Angeli Piangenti.

giphy

Trama: Rebecca Whitaker è morta nel 2003 in seguito a un incidente stradale. Suo marito, Mark, è ancora afflitto dal dolore. Un giorno gli viene recapitata una busta malconcia inviata, spedita anni prima, che contiene delle istruzioni e un semplice messaggio: “Puoi salvarla.” E mentre a Mark è affidata la possibilità di salvare Rebecca, è compito del Dottore, Amy e Rory salvare il mondo dagli gli Angeli Piangenti […]

Beh, sarà che sono molto affezionata all’Undicesimo e ai Pond o sarà perché gli Angeli sono gli antagonisti che più preferisco, ma questa storia l’ho divorata in pochissimi giorni! È decisamente intrigante e i continui viaggi nel tempo fanno apprezzare quelle che sono le caratteristiche principali e soprattutto potenzialità dei nostri protagonisti, TARDIS compreso.

Consigliatissimo, sia ai fan ma anche a chi ancora non conosce il fantastico mondo di Doctor Who!

download

Ps: non dico altro perché…SPOILERS!

giphy (2).gif

 

 

Le Notti Bianche

E’ un romanzo breve di Fëdor Dostoevskij che, grazie al saggio consiglio di qualcuno, ho iniziato a leggere dopo un paio di settimane di stallo.

Nessun libro pareva più coinvolgermi come desideravo.

Anche questo sono riuscita a divorarlo in davvero poco tempo, completamente travolta dal semplice intreccio e dai due protagonisti principali!

Trama: Protagonista è un sognatore, che isolato dalla realtà e da qualsiasi rapporto di amicizia non fa altro che creare mondi immaginari e storie fantastiche che gli permettono di raggiungere quella tanta desiderata felicità.

Ma durante una sua passeggiata notturna incontra, sul lungofiume, una ragazza, Nasten’ka, che risveglia in lui il sopito sentimento dell’amore.

La storia si sviluppa in quattro notti, durante le quali i due si aprono l’uno all’altra senza paure.

Qualcosa però accadrà alla fine della storia, qualcosa di struggente e inaspettato…

Un libro di così poche pagine (quasi un centinaio) che però riesce a tenere incollato il mio sguardo a tutte quelle parole.

Delicato, non banale, ricco di conversazioni sognanti e utopiche ma anche amaro quanto solo la vita sa essere.

“Quanto rendono meravigliosa una persona la gioia e la felicità! Come ferve un cuore innamorato! Sembra che tu voglia riversare tutto il tuo cuore in un altro cuore, vuoi che tutto sia allegro, che tutto rida. E quanto è contagiosa questa gioia!”

9788807901874_quarta

Avrò cura di Te

E adesso eccomi arrivata all’ultimo libro di Giugno.

Devo dire la verità, non mi sarei mai aspettata un coinvolgimento simile!

Questo strano rapporto epistolare tra Giò e Filemone, suo Angelo Custode, ti fa sentire parte di qualcosa di più grande.

Ti fa sentire un po’ meno solo, forse.

Trama: Giò ha trentacinque anni, una storia familiare complicata alle spalle, un unico grande amore: Leonardo. Che però l’ha abbandonata. Smarrita, si ritrova a vivere a casa dei suoi nonni, morti a distanza di pochi giorni e simbolo di un amore perfetto. La notte di San Valentino, Giò trova un biglietto che sua nonna aveva scritto all’angelo custode, per ringraziarlo. Giò ci prova: scrive anche lei al suo angelo. Che, incredibilmente, le risponde. E le fa una promessa: avrò cura di te. L’angelo ha un nome: Filemone. Nasce così uno scambio intenso, divertente, commovente, che coinvolge anche le persone che circondano Giò. Per ascoltare il cuore. Anche e soprattutto quando è chiamato a rispondere a prove complicate, come quella a cui sarà messa davanti Giò proprio da Filemone, in un finale sorprendente che sembrerà confondere tutto. Ma a tutto darà un senso.

Ha uno stile scorrevole, una trama semplice e tocca tutti gli aspetti dell’amore, impuntandosi soprattutto sui lati “bui” di quei momenti.

Pagina dopo pagina ho trovato spunti e slanci diversi perché, anche se io con Gioconda non ho davvero nulla in comune, alla fine mi sembrava di aver ritrovato me stessa proprio grazie a Filemone.

Oh, che gran potere hanno i libri.

Comunque consigliatissimo anche questo!

“L’amore perfetto non esiste: quello reale è la somma di tante imperfezioni.”

71qMwCzQDeL.jpg

Al prossimo mese con – spero tantissimi – altri libri!

 

  • Agnese Naselli
Annunci