Racconti

Una mattina

large
“Hai questa strana ruga che appare solo quando ridi di gusto come un bambino e anche mentre dormi sereno.”
“Uhm…”
“La amo.”
“Dai Alice, sono le sei del mattino…”
“Sono le 6.17, per la precisione.”
“Ma tu non dormi mai?”
“È che quando siamo insieme non voglio sprecare neanche un attimo di te.”

 

Lui le sorrise per poi stringerla a sé.
Matteo era la sua corazza, la sua ancora, la sua vita d’uscita da quel triste tunnel che era ormai diventata la sua vita.

“Se mi addormento a lezione sappi che ti farò sentire in colpa per il resto della tua vita!”

Riapparve quella strana ruga sul viso che si mischiò ad una risata ancora assopita.

“Almeno però ti addormenterai felice, no?”

 

I suoi occhi sognanti da bambina lo incantavano ogni volta.

“Come darti torto…mi sa che ti amo davvero.”
“Lo so.”

Si strinsero ancora più forte l’uno all’altra e rimasero in quella loro bolla di felicità fin quando la malvagia sveglia non li riportò alla realtà.

 

 

  • Agnese Naselli
Annunci