Recensione Doctor Who: 10 x 1 – The Pilot

Da questa settimana qui sul mio blog collaborerò con la cara Anna Maugeri alle recensioni della decima stagione di Doctor Who.

Quindi eccoci, abbiamo atteso per più di un anno – speciale di Natale a parte – ma finalmente possiamo rivedere il nostro amato Dottore alle prese con nuove avventure!

giphy.gif

La prima puntata appare subito scorrevole, nonostante una trama già vista più e più volte – alieni che inseguono i nostri protagonisti spingendosi con loro fino alla fine del tempo e dell’universo – ma che serve come introduzione della nuova futura companion: Bill Potts, interpretata dall’attrice britannica Pearl Mackie.

giphy (1).gif

Su di lei, dopo solo un semplice episodio, non c’è ovviamente ancora abbastanza materiale per poterne parlare come si deve ma già da questi primi 50 minuti possiamo benissimo notare alcuni dei suoi tratti principali: grinta, carisma e soprattutto la voglia di evadere continuamente dalla solita routine.
Questo sembra avvicinarla al ricordo di tutte le altre vecchie companion ma il rapporto che instaura col Dottore è ciò che la contraddistingue tra tutte.
Non ha paura di porgli domande strane o senza un nesso apparentemente logico e riesce sempre a sorridere anche quando non dovrebbe, cosa che impressiona parecchio il nostro Time Lord.
Quindi, tirando le somme, sì…Bill sembra promossa e non vedo l’ora di “conoscerla” meglio nel corso di questa decima stagione.

E il Dottore?
Il Dottore è sempre lui: l’alieno più umano degli umani, la favola diventata realtà; viaggia nel tempo, sbircia un po’ come saremo tra venti milioni di anni, ma non dimentica chi è. E non dimentica il suo passato, le persone che ha incontrato. O almeno non tutte…
Quello della memoria è un tema che ha attraversato in maniera sottile tutto l’episodio: Bill non ricorda la madre che ha perso da bambina, la cita ma poi fa spallucce; il Dottore tiene in bella vista sulla scrivania i suoi precedenti cacciaviti sonici e due foto incorniciate, una di River e l’altra di Susan; e che dire di quella scena? Sì, esatto, quella scena lì con Clara’s Theme in sottofondo. Onore e gloria a Moffat che così non ci farà arrivare alla prossima stagione! In effetti nemmeno Peter Capaldi ci arriverà… OKAY, LA SMETTO. 

La mia companion Agnese ha notato come Twelve sembri qui più maturo e maggiormente preso da chi gli sta intorno: ha instaurato da subito un esplosivo rapporto con Bill e la ragazza è riuscita a far breccia nei suoi due cuori, al punto da spingerlo ad arruolarla e portarla con sé nonostante i suoi soliti… ecco sì, chiamiamoli pure film mentali. Ma insomma, Dottore, ormai dovresti saperlo che vogliamo tutti viaggiare con te! E poi si vede proprio che ti diverti come un matto ogni volta che un nuovo visitatore mette piede nel tuo Tardis, non negarlo!
Già alla fine di questo primo episodio veniamo lasciati con alcuni interrogativi e il più importante riguarda probabilmente il misterioso caveau: cosa racchiuderà mai? E perché il Dottore ci tiene così tanto da prendere svariate misure di sicurezza pur di proteggerlo? Inoltre, il nostro Time Lord ha rivelato di avere delle promesse da mantenere: promesse fatte a chi, precisamente?

Potrei avere una piccolissima idea di proposito, ma vi avverto, solitamente non ci prendo con queste cose: che Twelve abbia promesso alla madre biologica di Bill di prendersi cura di sua figlia? Ciò potrebbe anche spiegare la presenza del Dottore in una delle foto scattate alla donna e ritrovate dalla madre adottiva della nuova companion.

Ottima teoria, companion Anna!
Io invece credo che il caro e vecchio burbero Dottore di un tempo si sia lasciato intenerire dalla storia sulla madre di Bill e sia tornato indietro nel tempo solo per scattarle qualche foto e donarle, proprio a Natale, alla cara Potts.
Quasi come un segno di speranza, nonostante la perdita.

 

Thumbs up: 

  • Nardole, un personaggio che mi incuriosisce parecchio e che spero di scoprire nelle prossime puntate! 
  • Il titolo dell’episodio che ha una doppia interpretazione: The Pilot, inteso come introduzione al nuovo personaggio e alla nuova stagione ma caratteristica principale dell’avversario da affrontare nel corso dell’episodio.

giphy (3).gif

 

Ben fatto, Moffat!

 

Noi ci rivediamo la prossima settimana con una nuova recensione!

  • Agnese Naselli
  • Anna Maugeri
Annunci