Io, supereroe.

“Mi sono sempre chiesto perché nessuno lo avesse fatto prima di me. Insomma, con tanti fumetti, film e programmi televisivi, qualche eccentrico solitario poteva già essersi messo un costume! La vita di tutti i giorni è davvero così eccitante? La scuola e il lavoro sono così emozionanti che io sono l’unico ad aver fantasticato su questa cosa? Andiamo, siate onesti con voi stessi… A un certo punto della nostra vita tutti abbiamo desiderato essere un supereroe!”
(Dal film Kick-ass)

Data l’uscita nelle sale dei film Captain America: Civil War e X-men: Apocalypse ne approfitto per parlarvi di eroi.

Non sono un’esperta di fumetti e, proprio perché vorrei evitare di dire boiate a caso, scriverò questo articolo da una diversa prospettiva, a modo mio, partendo da una domanda:

“Ma gli eroi chi sono per me?”

Beh, eroi…siamo noi.

Sei tu, sono i tuoi genitori, i tuoi nonni, i tuoi amici e tutta la gente che ti circonda, me compresa.

Gli eroi veri ci sono, e per fortuna direi! Sono quelle persone che combattono (si spera pacificamente) per i diritti di cui godiamo ogni giorno.

Però un po’ eroi lo siamo anche noi, grandi e piccoli, quando ogni mattina decidiamo di alzarci ed affrontare un’altra giornata pessima.

Quando sopravviviamo ai mesi avvenire senza mai arrenderci.

Quando affrontiamo combattendo mali più grandi di noi solo per dimostrare che siamo più forti di loro nonostante tutto.

Quando decidiamo di seguire quelli che sono i nostri sogni e le nostre più grandi passioni senza mai farci scoraggiare dalla vita che fa la stronza come può.

Quando decidiamo di amare, e non importa quale sia il sesso di quella persona.

Essere eroi vuol dire amare davvero e lasciare che l’altro si prenda un po’ di noi, ma esserne felici…così felici da doverlo urlare a pieni polmoni a chiunque non ti creda.

Ma essere eroi, veri eroi, vuol dire rimanere se stessi in ogni modo, senza dover cedere alle pressioni del mondo che vuole plasmarti a suo piacimento, e riuscire a combattere anche attraverso il più piccolo gesto che chissà, magari farà la differenza presto o tardi!

 

 

Eroicamente vostra, Agnese Naselli.

Annunci